Pepite d’Amore

Ho scavato nelle miniere della vita

e nei fiumi che scorrono da tutti i cuori

e sopra i picchi delle montagne sognanti,

cercando qualche vera pepita d’amore,

solo per regalarle a chiunque.

Dentro ed oltre i nascosti paesaggi,

o cercando nei passi segreti,

attraverso le nebbiose montagne dei rimpianti,

vagando nelle vuote, affollate strade

e in ogni scenario dell’immaginazione.

Le ho cercato nel sole splendente,

o sotto la pioggia incessante,

in tutti i ventosi e morti giorni d’inverno,

le ho cercate quando la tempesta colpiva

o attraversando i deserti degli affetti,

le ho cercate a lungo, intorno e invano,

fin quando ho capito che nessuna pepita d’amore

era realmente dove io l’avevo cercata,

perché esse erano davvero tutte nel mio cuore.

E ora so, che tutte le pepite d’amore

che ho dato via, tutte, una ad una,

anche se nessuna era mai rimasta per me,

continuano sempre a splendere nel mio cuore,

mentre se le avessi tenute solo per me

peserebbero molto sulla mia anima

così come le pepite d’oro pesano sulle spalle,

perché tutte le pepite d’amore

non sono fatte per essere conservate,

e la loro luce non pesa affatto.

ennio forina  Gennaio 2018

Advertisements
Povera luna, nessuno leva più lo sguardo 
all’artefice di scenari suggestivi e perfetti 
tu che ispiravi tutti gli amori e suggerivi 
a poeti ed amanti i versi più belli
proteggevi il viandante notturno
alleviavi le angosce più oscure
eri la dea che a tutti sorrideva
pervadendo di magia il mondo assopito.
Tu, ospite splendente, anfitrione eccelsa 
della tua degna dimora celeste, 
principessa e vestale delle notti più limpide
con la tua arcana, festosa presenza
volteggiando pigra nel cielo notturno 
fugavi tutte le angosce e i timori
avvolgendo di soffice luce i sonni più inquieti.
Ci insegnavi che esiste l’irraggiungibile, 
che non si può e non si deve impossessarsi di tutto 
che nessuna piramide ambiziosa 
nessuna torre svettante nel cielo 
poteva minimamente sfiorarti 
e quindi restavi, venerata, sacra e intatta 
umiliando le umane brame e le tiranne pretese.
Ora ti scrutano ancora per sapere solo 
se vi siano gioielli in te da rapinare 
o se si possa immettere in te la stessa vita 
che viene soffocata nella tua sorella Terra
se si possa far di te e altri sterili mondi 
dei gioielli azzurri mentre questo pianeta 
scavato, depredato e offeso 
sempre più a te fanno somigliare
ma senza il tuo grigiore allegro e senza incanto.
E se fossi fatta di platino e d’oro 
anziché di inutile sabbia e roccia 
saresti in breve tempo invasa e divorata 
da miriadi di potenti e brutali macchine
popolate da voraci microbi umani 
pronti a succhiare le tue vene profonde 
scavando solchi, buche e sanguinanti ferite 
per divorar ricchezze e niente altro
come per lo splendente verde azzurro globo 
che sempre più si riveste dello spento grigiore 
di città immani, gangli letali del reticolo 
di cemento e asfalto che si propaga ovunque
come la metastasi di un incontenibile cancro.
Ti guardano ora nella tua intimità svelata 
come si osservano gli animali oppressi 
nelle prigioni della follia e della vergogna 
degli zoo, dei circhi e degli allevamenti 
e sei già anche tu rinchiusa in una gabbia 
di ottusa e falsa conoscenza, 
senza più meraviglia né domande 
solo una bizzarra e negletta decorazione 
appesa in cielo per il nostro diletto
ma non sei tu Luna senza più il fascino e l’incanto 
siamo noi che abbiamo perso il desiderio
di sognare sensazioni più ineffabili e vere,
e ci inebriamo delle nostre violente luci false 
che non illuminano l’anima e la mente 
come le luci e i suoni del Cosmo e della Vita.

Luna Show

LUNA argentea.jpg

 

Perdonami Luna, ieri non ho alzato come tanti lo sguardo al cielo
per ammirarti in quella tua casuale straordinaria performance.
Invece appena ho visto dalla collina diffondersi un bagliore giallastro
ho chiuso le finestre e ho continuato a ritrarti in un nuovo dipinto.
Io ti amo come sei, presenza conosciuta e misteriosa ogni notte in cui appari,
nella tua calma e soffice luce blu che dipinge le nuvole,
bagna le colline e fa brillare le onde del mare.
Per me sei straordinaria sempre, nella tua semplice
e affascinante veste argentea che raccoglie e trasfigura
i sogni di chi ama ed ama te davvero
e che poi, carichi della tua magia
riversi e diffondi di nuovo sulla Terra.

Ennio Forina

Penso che quasi nessuno ieri abbia osservato e ammirato la Luna…hanno invece osservato e ammirato il fenomeno spettacolare e insolito, non per la Luna dunque ma per quello che le succedeva . Spesso ci si accorge dell’esistenza di una cosa solo quando un evento straordinario la trasfigura o la distrugge. Ho sempre diffidato degli entusiasmi della folla specialmente quando sono rivolti alla celebrazione del nulla, come nei concerti di pseudo-musica pieni di effetti speciali senza i quali non si potrebbero radunare così tante persone in un delirio collettivo. La matrice è la stessa.

L’Isola di Sogno

C’è un’isola sognante, 

nata da una collisione d’anime

tra la Luna e il Mare,

sopra le  calme acque

e sopra le tempeste,

sospesa nel tempo

che le scorre intorno

ma senza trascinarla via.

Solo la Luna,

dimora dei sogni

più segreti e veri,

conosce il suo destino.

Lei, che roteando in cielo

tutto osserva e scruta,

dall’oceano dell’anima 

attrae anche i miei pensieri

nei raggi lunari li riscrive,

e sull’Isola splendente li riflette:

“Se ti terrò stretta a me,

l’Isola si stringerà a noi.

Se ti abbraccerò,

l’isola ci accoglierà.

Se sarai nei miei pensieri

l’Isola ci nutrirà.

Se vorrò raggiungerti

l’Isola aspetterà per noi.

Quando avrai paura

l’Isola sarà il riparo

e se ti perderai

l’Isola sarà il tuo faro.

Se ti amerò,

come ti voglio amare

l’Isola sarà sempre vera

sospesa fra la Luna e il Mare.

Ma solo il vero amore è la certezza

anche senza un’Isola che incantata sogna

sospesa fra la Luna e il Mare. 


Ennio Forina  – July 2018